Vai al contenuto

Spedizione nazionale GRATIS per ordini superiori a 69,99€

Cerca
Carrello
L'amore che guida la vita - Sardegna

L'amore che guida la vita - Sardegna

Avevo 24 anni quando decisi di convertirmi all'Islam e indossare il Hijab per amore di Allah 

Mia madre si era allontanata da casa per poter vivere a casa col suo compagno in un paese a circa 30 minuti di distanza, mio marito aveva sempre vissuto in altre città in Italia per motivi lavorativi perciò abbiamo sempre viaggiato per poterci vedere dato che abbiamo anche una bimba in comune di 4 anni e avendo io un'altra bimba più grande (con un altro uomo) di 5 anni. Mi ritrovai spesso da sola in casa con le bambine da crescere.


Ogni volta che ci riunivamo mio marito pregava e io gli ho sempre domandato sul perché pregasse e lui ha saputo sempre darmi delle risposte interessanti, questo interesse mi ha permesso di fare le mie ricerche, con ciò inizia a leggere il corano tradotto in italiano così da soddisfare la mia curiosità, anche se nel mio cuore Allah ﷻ aveva già riposto in me la fede per diventare musulmana.


Vivendo in nn paesino della Sardegna di 4.000 abitanti avevo un po' di vergogna di indossare il Hijab poiché nessuno lo indossava, inizialmente iniziai a pregare di nascosto con l'ansia che qualcuno suonasse il campanello ed entrasse vedendomi pregare e con il vestito da preghiera indosso, poi iniziai a chiedere delle sciarpe fini a mia nonna ma non con lo scopo di coprirmi il collo, con lo scopo di provarle come velo e vedere come mi stava.


Era agosto del 2022 quando mancavano poche pagine alla fine della lettura del Corano, la mia fede la sentivo più forte ed era più forte anche la voglia di indossare il Hijab quindi pure se mi trovavo da sola, avendo paura del giudizio della gente, di cosa potesse pensare la mia famiglia, le mie bimbe anche se piccole presi coraggio e mi feci una bella foto col velo. La postai nei social con una didascalia inerente la motivazione della mia conversione e la mandai contemporaneamente subito ai miei parenti più stretti.


In quel momento attimi di ansia... ma mi ha sorpreso il fatto che alcuni dei miei parenti mi hanno sostenuto come mio padre, altri invece ( quelli con cui avevo un rapporto più stretto, mia madre e mia nonna) mi hanno giudicata e se la sono presa. Non nego inizialmente che mi sono scese parecchie lacrime però pure se ero sola fisicamente sapevo che dall'altra parte del telefono avevo l'appoggio e l'amore di mio marito.


Le mie figlie essendo piccole non vedevano il cambiamento, la più grande mi diceva "mamma devi uscire così?"
E io "si amore da oggi uscirà così mamma perché é diventata musulmana"
E lei "sei bellissima mamma".


Comunque, il giorno seguente feci la mia prima uscita col velo, da sola, giusto per testare la reazione delle persone ero molto timida ma cercavo però di camminare con la testa alta.


Notai che molti mi sorrisero, altri mi guardavano male, alcuni parlano a bassa voce, altri mi salutavano come avevano sempre fatto, mi é capitato qualcuno che mi dicesse che mi stava benissimo, altri che mi facevano delle domande in conclusione

quel peggio che pensavo era solo nella mia testa!

In ambito famigliare non ho mollato solo perché ai miei parenti non andava giù che indossassi il velo anzi ho mantenuto i rapporti, ho continuato a frequentarli, nonostante le critiche iniziali, il provare a corrompermi anche con del denaro per farmelo togliere etc... io sono stata paziente ho pregato affinché potessero capire, ad oggi non hanno capito ma hanno accettato.


L'unica vera forza che mi ha permesso di indossare il Hijab e di convertirmi all'Islam l'ho trovata dentro di me,

Pensavo solo all'amore che provavo per Allah , a tutti ciò che mi ha dato e pensavo allo scopo che abbiamo noi essere umano nella vita (pregare Allah, fare del bene, migliorarci, combattere le ingiustizie, migliorare il mondo ecc ecc) .


I benefici che ho tratto da questo percorso è prima di tutto essere musulmana, secondo mi sento più vicina ad Allah poiché mi vesto come egli comanda di fare.

 Vuoi metterti in contatto con l'autrice? Scrivile un'email a Gaiettapodda@gmail.com

 

Sei pronta a condividere la tua storia di come hai deciso di indossare il hijab?

La tua testimonianza potrebbe aiutare le ragazze che stanno considerando l'idea di indossare il Hijab, offrendo loro un punto di vista autentico e reale. Inoltre, potrebbero anche promuovere una maggiore comprensione e accettazione all'interno delle nostre comunità e nella società in generale.

Siamo curiose di sentirla, scrivicela ora su whatsapp ---> 331 906 3774 o per email a info@HijabParadise.com

Lascia un commento

Errore Nome richiesto.
Errore
Errore Commenta richiesto.

Tutti i campi sono obbligatori.